body

Tre e più cose da fare a Saranda in una settimana

Saranda, spiaggia pubblica, cosa fare a Saranda una settimana

Vacanze in Albania in agosto, Saranda scelta n.1

Anche quest’anno Saranda si conferma la meta albanese più richiesta per le vacanze estive soprattutto durante il mese di agosto anche se già in questi ultimi giorni di luglio c’è stato un evidente aumento di turisti che riempiono le spiagge di giorno e i ristoranti e il lungomare di sera.

Il tempo di permanenza medio è di una settimana; 7 giorni per rilassarsi, divertirsi, abbronzarsi, visitare qualche posto e perché no, fare qualche bella escursione. 
Sono davvero tante le cose da fare e da vedere a Saranda e dintorni e 7 giorni passano in fretta, quindi vi consiglio di iniziare a pensarci prima.

Cosa fare a Saranda una settimana, vacanze a Saranda, Saranda mare

Qualche idea su cosa fare e vedere a Saranda durante le vostre vacanze estive

1. Andate in spiaggia

So che non c’è bisogno di dirvelo dato che siete lì principalmente per quello, ma il consiglio che vi do è quello di andare sì in spiaggia ma non solo a Saranda. Non commettete l’errore di arenarvi nella spiaggia dell’hotel o di quelle più vicina per tutta la durata della vacanza; come ho già scritto in diversi articoli che parlano di Saranda, il vero valore di questa località è dato dai dintorni e parlando di spiagge, le più belle si trovano lungo quei pochi chilometri di strada tra Saranda e Ksamil come ben descritto in questo articolo di Gladiola Moka.
Proprio alcuni giorni fa ne ho scoperta una che, incedibile ma vero, ancora non conoscevo. Si tratta della Heaven Beach, una graziosa baia di ciottoli e scogli isolata e mai troppo affollata dove si sta davvero bene. Si trova poco fuori da Saranda in direzione Ksamil, per raggiungerla prestate attenzione ai cartelli finché sulla destra ne vedrete uno con scritto Heaven Hotel & Beach. Imboccate la strada in salita e seguite lo sterrato fino al parcheggio.
La spiaggia è attrezzata con sdraio e ombrelloni per chi volesse stare più comodo, un beach bar e un ottimo ristorante con terrazza vista mare dove si mangia ottimamente, parola mia!  C’è anche un piccolo hotel per chi volesse fare una vacanza davvero all’insegna del mare e del relax. La spiaggia, il ristorante e il bar sono di proprietà dell’hotel Sunrise di Saranda.

Le altre spiagge lungo questo tratto, in ordine di apparizione, sono:

Monastery | La spiaggia del Monastero dei Quaranta Santi che si trova arroccato alle spalle della spiaggia e che si può raggiungere a piedi o con un fuoristrada piuttosto aggressivo! La spiaggia si raggiunge lasciando la strada principale e scendendo verso il parcheggio distante meno di 500 metri ed è senza dubbio molto bella e suggestiva, circondata da pareti rocciose e da vegetazione selvaggia. Data la facilità con cui la si raggiunge è anche una delle spiagge più affollate.

Pasqyra | Spiaggia degli specchi, questa bellissima spiaggia si trova già all’interno del Parco Nazionale di Butrinto e la si riconosce dal grande scoglio che emerge dalle acque cristalline sulla destra della baia. La spiaggia è attrezzata nella sua zona centrale davanti al beach bar e ristorante, mentre ai lati c’è spazio per asciugamani e ombrelloni privati.

Pulebardha | La spiaggia dei gabbiani, protetta da una grande parete rocciosa che ne limita lo spazio ma che gli dà un’aspetto molto suggestivo. Ciottoli bianchi e acqua cristallina per questa spiaggia che offre una parte attrezzata, quella davanti ai due ristoranti, e una parte libera vicina agli sogli che prosegue fino al termine della baia sul lato sinistro.

2. Andate a visitare il Sito Archeologico di Butrinto

A poco più di 15km dal centro di Saranda si trova Butrinti, antichissima città inserita nell’omonimo Parco Nazionale.

L’area archeologica è senza dubbio la più importante presente sul territorio albanese ed è stata infatti inserita tra i Beni Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. La sue rovine ci parlano di millenni di storia; la città di Butrinto infatti era già abitata fin dai tempi della preistoria per poi divenire una colonia greca, una città romana, un vescovato, una città dell’Impero bizantino e infine una zona occupata dai veneziani. Fu solo nel tardo Medioevo che fu abbandonata poichè il territorio divenne via via sempre più paludoso rendendo impossibile viverci.
L’eccellente livello di conservazione e il contesto naturale nel quale è inserita, rendono Butrinti una combinazione molto rara di archeologia e natura.

Come raggiungere Butrinto:

In auto | Da Saranda dista circa 16 km in direzione sud, dopo aver passato Ksamil

In taxi | Con una spesa indicativa di 10/15 euro a corsa potete farvi accompagnare da un taxi

In bus | La linea Saranda – Butrinti è attiva tutti i giorni con corse continue per tutto l’arco della giornata, costo lek 100 a corsa, info su orari e tragitto >> Bus Timetable Saranda – Butrint

Orari:

Il Parco Archeologico è aperto tutti i giorni dalle 8:00 alle 19:00

Visite guidate:

Il Parco è visitabile in autonomia, il ticket di ingresso comprende anche una piantina del parco, ma se desiderate approfondire vi consiglio una visita guidata con guida certificata in lingua italiana. Fuori dal parco è possibile trovare delle guide, ma se volete prenotare la vostra visita in anticipo contattateci e vi forniremo il supporto necessario.

Prezzi ingresso:

Prezzi ingresso Parco Archeologico Butrinti, cosa fare e cosa vedere a Saranda

3. Fate almeno una di queste escursioni di una giornata

Se siete a Saranda per una settimana vi consiglio di scegliere una di queste tre escursioni che vi impegneranno una giornata intera:

  • giornata a Corfu | l’isola di Corfu è vicinissima a Saranda, la si raggiunge in soli 30 minuti di aliscafo e durante la giornata ci sono diverse partenze, anche con la possibilità di caricare l’auto. Potete vedere orari e prezzi qui >> Ionian Seaways.
    Una volta raggiunta Corfu potrete vistare il centro storico della città oppure potete noleggiare una macchina o uno scooter e spostarvi sulle spiagge.
  • escursione in barca a Krorez | Krorez è una spiaggia bellissima che si trova tra Lukova e Saranda, quindi a nord. La si può raggiungere solo via mare oppure seguendo i sentieri dei pastori ma vi consiglio vivamente di non intraprendere questa avventura senza una persona del posto che conosca la strada perché i sentieri non sono facili da individuare e da seguire e c’è il reale rischio di perdersi. Dal porto turistico di Saranda partono ogni mattina barche e battelli diretti a Krorez, alcune fanno anche tappa in altre spiagge tipo Kakomes, qualcuna offre il pranzo a bordo, qualcuna lascia il pranzo libero presso il ristorante della spiaggia. Passeggiando sul lungomare troverete senza dubbio l’offerta migliore per voi.

Krorez escursione, cosa fare a Saranda, vacanze a Saranda

  • escursione con Saranda Jeep | spingo molto questa iniziativa perché credo che rappresenti il modo migliore per conoscere i dintorni di Saranda e per passare una giornata all’insegna del divertimento. Visite a posti stupendi come Blue Eye e Porto Palermo, off road divertenti e immersi nelle campagne albanesi più autentiche, relax in una spiaggia stupenda, pranzo presso home restaurant con cibo genuino e raki artigianale e guida turistica in lingua italiana. Potete prenotare la vostra escursione sul sito Saranda Jeep, oppure recandovi presso l’ufficio di Rruga Jonianet 11 nei pressi del Lungomare di Saranda.

Saranda Jeep cosa fare a Saranda escursione Saranda

2 pensieri su “Tre e più cose da fare a Saranda in una settimana

  1. Annateresa dice:

    Io ho soggiornato una settimana a Saranda,mi è molto piaciuta ho fatto poche escursioni perché a me piace stare più tranquilla in spiaggia.Ma sono stata all’occhio blu e sono rimasta esterrefatta per i bellissimi posti incontaminati,ritornerò.L’unica cosa negativa che non farò più e prendere il traghetto abbiamo perso due giorni tra andata e ritorno con le partenze in ritardo.

  2. Sara Perico dice:

    Ciao Annateresa, sono contenta che l’Albania ti sia piaciuta e spero che tornerai per visitare altre zone altrettanto belle! Per quanto riguarda il traghetto hai ragione, quest’anno la tratta da Brindisi è stato un vero disastro e ha provocato molti disagi proprio nel periodo più intenso della stagione. Ti consiglio di traghettare su Durazzo da Bari o da Ancona, al momento sono le tratte migliori. Grazie del tuo contributo e a presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *