Albania del sud, l’itinerario ideale tra Saranda e Ksamil

Se avete deciso di trascorrere quest’estate nel sud dell’Albania, vi presento un itinerario di viaggio ideale per chi vorrebbe trascorrere una vacanza rilassante ma anche per tutti coloro che vorrebbero esplorare la zona circostante Saranda.

Per una questione strategica vi consiglio di alloggiare proprio a Saranda, la città offre la possibilità di godere delle spiagge, del relax ma anche della vita notturna.
Le quattro strade principali circondano la baia, tra cui il lungomare, che di sera diventa la meta di passeggio dei turisti.

Cosa vedere a Saranda

Sinagoga: risalente al V secolo, testimonia l’esistenza di una delle più antiche comunità ebraiche nei Balcani.
Indirizzo: Rr. Skënderbeu

Museo di Archeologia: all’interno è presente un pavimento in mosaico risalente al  VI secolo e una mostra su Butrinto.
Indirizzo: Rr. Flamurit

Castello di Lëkurësit: il castello è ora un ristorante con una splendida vista su Saranda e sulla laguna di Butrinto.
Indirizzo: strada Saranda-Tirana. A piedi 15 minuti.

Nei dintorni di Saranda si trovano posti magnifici divenuti negli ultimi anni molto popolari:

Ksamil a 14 km da Saranda

Famosa per le sue Tre isole: l’isola più grande e anche più popolare è chiamata Ishujt Binjak-Isole Gemelle (due isole collegate da una sottile striscia di terra che ne fanno un unico grande isolotto).
Ci sono diverse imbarcazioni che portano dalla spiaggia di  ksamil verso le tre isole (il viaggio dura pochi minuti) potrete affittare anche una moto d’acqua e scorrazzare da un isola all’altra (sono tutte molto vicine tra loro) . Se decidete di prendere un’imbarcazione il costo del viaggio è di 15 euro andata e ritorno (se non viaggiate soli potrete dividere la spesa del tragitto).
Una volta arrivati sull’ Isola Gemella si ha la sensazione di essere al centro di tre diversi luoghi: di fronte c’è Corfù (Grecia), a destra Saranda e dietro di voi la costa di Ksamil.

La particolarità di quest’isolotto è che non ha una sola riva ma ben due. Le onde che si creano tra le due isole si incontrano e si scontrano sulla sottile striscia di sabbia andando a creare qualcosa di veramente unico. Potrete passeggiate camminando da un isola all’altra ed essere accarezzati da due rive di mare.
Le imbarcazioni sono sempre in movimento, dalle prime luci del mattino fino alle 19.00 circa.
In questa zona c’è un grande afflusso di giovani in cerca di divertimento ma anche di famiglie che desiderano rilassarsi in totale riservatezza sulle diverse baie.

Butrinto  a  soli 4 km da Ksamil

Sito archeologico patrimonio dell’UNESCO che comprende 2900 ettari. Butrinto si trova su una collina sul canale di Vivari. ll Parco di Butrinto è importantissimo per la conservazione della biodiversità mondiale poiché comprende 14 specie animali e 16 vegetali in pericolo di estinzione. La zona umida è modellata da una laguna tettonica di 1600 ettari nota come Lago di Butrinto, circondata da monti boscosi, montagne, acqua dolce e paludi salmastre e collegata allo stretto di Corfù dal Canale di Vivari.
Secondo Virgilio, venne fondata dal profeta troiano Eleno, figlio del re Priamo, che dopo la caduta di Troia sposò Andromaca e si spostò a occidente. Lo storico Dionigi di Alicarnasso scrisse che Enea visitò Butrinto dopo la sua stessa fuga dalla distruzione di Troia.

     

L’occhio bluSyri i Kaltër

Questa magnifica laguna, patrimonio dell’UNESCO, si trova a 20 km da Saranda.
L’occhio blu è una sorgente carsica situata sulle pendici occidentali del monte Mali i Gjerë. L’acqua sgorga ad una temperatura di circa 12 gradi, la profondità della sorgente non è ancora stata accertata. Sullo sfondo della chiara roccia calcarea la sorgente assume una colorazione blu scura alla quale è dovuta il nome.
Questa piccola laguna dall’incredibile combinazione di colori di rara bellezza è immersa in una foresta a 177 m sul livello del mare e costituisce una bellissima escursione da fare in giornata.

L’acqua della sorgente è gelida, e una volta dentro vi lascia senza fiato (con me ha fatto questo effetto) ma la temperatura della foresta intorno è così alta che una volta fuori vi riscalderete subito, se avrete il coraggio di tuffarvi.. 😛

Come vedete, queste località sono tutte molto vicine tra loro.
Potete decidere di partire da Saranda in mattinata e passare mezza giornata a Ksamil.
Se invece decidete di passare la serata a Ksamil, vi consiglio una discoteca all’aperto vicino alla costa, qui si balla solo musica popolare e tradizionale albanese. Se chiedete in zona ve la indicheranno.
Potete optare di ripartire da Ksamil dopo un ottimo pranzo a base di pesce a 10.00 lek a persona ( quasi 9 euro), e visitare la vicina Butrinto, anche qui ci impiegherete mezza giornata.

Anche per L’Occhio Blu vi basterà una mezza giornata passata tra tuffi e scatti a questa bellissima laguna e potrete ritornare a Saranda e proseguire lì la vita notturna.

Come arrivare in Albania

Ci sono diversi traghetti per la tratta ITALIA-ALBANIA e viceversa.
Le compagnie partono da Brindisi, Bari, Ancona e Trieste ed arrivano a VALONA, DURAZZO E SARANDA.

Bari-Durazzo
Ancona-Durazzo
Trieste- Durazzo
Brindisi-Valona
Brindisi-Saranda, questa linea è una NOVITA’ del 2016 attiva dal 19.07.2016 al 31.08.2016, prevede partenze ogni martedì da Brindisi ed ogni mercoledì da Saranda senza auto però.

Come arrivare A Saranda Da Durazzo o Valona

Litoranea: dovrete costeggiare tutta la litoranea fino a Saranda, questo percorso ha delle vedute spettacolari ma è anche molto lungo. I kilometri sono pochi ma la strada non è di facile percorrenza, bisogna fare dei sali e scendi tra le montagne e per farlo dovrete munirvi di pazienza ma soprattutto di un’automobile adatta al percorso.
Da Valona ci impiegate circa 3 ore.
Autostrada: Da Durazzo proseguite per Valona, una volta lì deviate per Fier e prendete l’autostrada da Girocastro a Saranda a metà strada trovate anche L’Occhio Blu.
Da Valona impiegate circa 2 ore per arrivare.

Come muoversi all’interno dell’Albania

Se non avete imbarcato la vostra auto o una moto, i mezzi pubblici che potrete utilizzare in Albania sono:
Autobus: sono spesso sono stracarichi di gente e un po’ “vintage”, dovrete sapervi adattare.

Furgon: sono dei mini bus che partono quando si riempiono. Autobus e furgon iniziano a scarseggiare dopo le 17.00

Taxi
: a mio parere è la soluzione più comoda per muoversi in Albania, ci sono sempre e sono molto economici specie se potete dividere la spesa con i vostri compagni di viaggio.

Moneta

In Albania ci sono molti uffici di cambio: i Money Exchange. La moneta è il LEK.

Per tutti coloro che viaggiano per la prima volta in Albania, fate click sull’articolo di Sara per avere maggiori informazioni: Prima volta in Albania? Ecco quello che devi sapere prima di partire

Se ami creare itinerari di viaggio, ti consiglio di scaricare subito la guida gratuita “come creare un itinerario di viaggio nella terra delle aquile” e di leggere il relativo articolo che ti fornirà altre preziose informazioni!

SCARICA LA GUIDA GRATUITA